Dichiaro di aver letto ed accettato l'informativa sulla privacy. (Leggi l'informativa)
In evidenza

Home > In evidenza > Pronti al cambiamento

Pronti al cambiamento

di Maurizio Carettoni

Ho sempre pensato che, quando qualcosa non funziona, ciò potrebbe rappresentare un’indicazione del fatto che è giunto il momento di… fare qualcos’altro!”. Decontestualizzato, questo passaggio all’interno del saggio di Richard Bandler, “Usare il cervello per cambiare”, è di una banalità quasi disarmante. Ma proprio per questo è doppiamente vivida la verità che vi si nasconde e che forse tutti noi fatichiamo a riconoscere nel nostro quotidiano.

Tutto quello che accade e, ancor più, ciò che è accaduto in tempi recenti ci porta ad ammettere la complessità ma anche la necessità di apprendere l’arte del cambiamento, l’unica che consente di adattarci ai nuovi scenari e di interpretare al meglio i nuovi stimoli.

L’efficacia e l’importanza di questa strategia (in fondo, molto naturale) sono state confermate, lo scorso mese di luglio, anche dalla nostra Nazionale che ha giocato e vinto la finale degli Europei di calcio allo Stadio di Wembley di Londra. E ce le hanno insegnate, una volta di più, tutti gli Azzurri, capitanati dalla leggenda del nuoto Federica Pellegrini, alle prese con le Olimpiadi più complesse della storia, quelle di Tokyo 2020. Scrivere pagine di storia dello sport (cui non a caso abbiamo voluto dedicare un approfondimento speciale) significa contribuire a scrivere nuove pagine della storia di un Paese che sa di dover affrontare nuove sfide. Il che significa che è pronto al cambiamento.

Uno sprone importante a questo passo arriva proprio dall’eroicità di alcune nostre imprese. Abbiamo incontrato i loro volti: affaticati sì, ma con una sana e decisa visione del futuro. Imprenditori, artigiani, professionisti che sanno esattamente dove vogliono arrivare e con chi, certi che nulla potrà fermare la loro “impresa”.

Così abbiamo agito anche noi: forti del bagaglio delle nostre competenze, per rafforzare e ripagare il nostro bisogno di essere migliori abbiamo scelto di raccontare le loro storie attraverso una nuova immagine: pulita, ariosa, diretta. A rendere questo numero di “Stil’è”, perché no, il simbolo più elegante di quello che è il nostro cambiamento.

Maurizio Carettoni
project director
 
 
 

Condividi su:

ARTICOLI SIMILI

L’ex officina-scuola pirelli torna a nuovo grazie ad arw

È il progetto “testi 223”. così a milano, zona bicocca, arw rilegge l’edificio un tempo adibito alla formazione dei dipendenti della nota azienda

LEGGI L'ARTICOLO
performance e leggerezza l’evoluzione dell’outdoor di tralli vele da sole

Tralli Vele da Sole: dall’ambizione artigiana alla creazione di tendaggi sofisticati, adattabili e tecnologicamente avanzati

LEGGI L'ARTICOLO
studio costa architecture: il fascino di una architettura multidisciplinare

la filosofia di studio costa architecture tra approccio umanistico e project management

LEGGI L'ARTICOLO
Ricerca e innovazione per una realtà migliore con ati project

È lo spirito di Ati Project, studio internazionale di architettura e ingegneria specializzato nella progettazione integrata

LEGGI L'ARTICOLO
Un viaggio sensoriale nel mondo del living insieme a L’Ambiente - the design projects hub

L’Ambiente - the design projects hub, in continuo dialogo con i migliori brand dell’arredo

LEGGI L'ARTICOLO

UNA COMUNICAZIONE INTEGRATA
PER LA VALORIZZAZIONE DELLO STILE,
DEL DESIGN E DEL MADE IN ITALY

Stil’è “L’arte di vivere il bello” è un’eccezionale vetrina per tutti coloro che desiderano fare pubblicità su un magazine d’arte, design e interior design, moda e cultura e raggiungere un target di lettori di prestigio. La rivista rappresenta un sistema di comunicazione integrata, mirata e personalizzata, capace di fornire risposte “su misura” alle istanze più dettagliate per la promozione dei prodotti made in Italy.

© 2020 Publiscoop Group | Privacy policy | Cookies policy | Design by Kreativa srl