Nuovi traguardi nella medicina predittiva

Set 13 • Rubriche, Scelti per voi • 411 Views • Nessun commento su Nuovi traguardi nella medicina predittiva

Nel Centro Diagnostico Polispecialistico Prosperius, diretto dal professor Mario Bigazzi, innovazione e alta tecnologia al servizio dei pazienti

 

Il Centro Prosperius, fondato dal Professor Mario Bigazzi ha portato in Italia le più avveniristiche tecnologie diagnostico-riabilitative e ora segna nuovi traguardi nella medicina predittiva. Con due sedi, a Firenze e Umbertide (PG), in oltre 40 anni di attività ha consolidato autorevolezza anche nella Ricerca scientifica e clinica e oggi è collegato con oltre 50 Università e scuole di specializzazione in Usa, che mandano in Italia gli allievi più brillanti per perfezionarsi. Professor Bigazzi, come si caratterizza attualmente il Centro Prosperius? L’innovazione è sempre stato il nostro leit motiv. Negli Anni ’70 il nostro Centro Diagnostico di alta tecnologia ha introdotto in Italia i primi esami ormonali e la prima TAC total body, seconda in Europa. Poi strumenti per ecografie, RM, genetica medica, sempre all’avanguardia. Negli Anni ’90 abbiamo inaugurato la Clinica di riabilitazione intensiva di eccellenza a Umbertide con l’innovativa sezione di riatletizzazione sportiva. La riabilitazione neurologica è uno dei nostri focus. In entrambe le sedi abbiamo tecnologia robotica medica. Permettiamo a pazienti con gravi neurolesioni di riprendere la posizione eretta e la deambulazione. Ci occupiamo anche di terapia con camere iperbariche multiple di ultima generazione. Abbiamo verificato importanti miglioramenti in varie patologie neurologiche e dermatologiche quali sclerosi multipla, psoriasi e parodontopatie. Abbiamo inoltre promettenti aspettative in problematiche quali ictus cerebrali e paraplegie. Attualmente stiamo studiandone i benefici sui bambini autistici. Nel 70-80 % degli oltre 300 bambini autistici trattati con ossigeno iperbarico abbiamo miglioramenti progressivi e duraturi. L’innovazione di Prosperius è anche nella medicina predittiva Intendiamo con medicina predittiva l’utilizzo sinergico di tutte le tecnologie e metodologie atte a identificare gravi patologie precocemente, per poter anticipare le terapie ed evitare gravi conseguenze. Vi sono già oggi molti strumenti per valutare il rischio di malattie, ma in Italia ancora manca un vero coordinamento tra le analisi e i medici che dovranno poi interpretarle. Per esempio, con l’analisi del Dna si possono scoprire i geni portatori di malattie familiari. Il maggiore impatto di questa nuova branca diagnostica interessa le malattie oncologiche e cardiovascolari ischemiche. Queste ultime rappresentano le più frequenti cause di morte e disabilità. Nelle malattie oncologiche si possono facilmente evidenziare forme tumorali al loro inizio o, addirittura, in fase pre-tumorale nei polmoni, fegato, pancreas, colon, reni ecc. Si può dunque intervenire in una fase precoce della malattia se non addirittura prima che la malattia si trasformi in tumore. Le malattie cardiovascolari ischemiche sono quelle in assoluto più gravi per morte o postumi invalidanti. Possono causare complicazioni quali ictus, infarti, cancrene agli arti inferiori e altre problematiche che nessuno vorrebbe avere. Anche gli atleti, e anche in giovane età, possono essere molto esposti alle malattie cardiovascolari, forse anche per il grande uso di aminoacidi assunti per potenziare i muscoli. Se hanno una predisposizione familiare, questa assunzione porta a lesioni dell’endotelio, quindi a calcificazioni e a possibili morti improvvise per infarto. A chi si rivolge principalmente? Si può fare moltissimo con la medicina predittiva. Il nostro lavoro è particolarmente importante per chi ha moltissimo da perdere dall’insorgere di malattie invalidanti. Professionisti, manager, ma anche persone comuni. In due mezze giornate eseguiamo tutti i possibili esami predittivi. Inoltre siamo sempre impegnati nella Ricerca verso nuove frontiere. Stiamo studiando un nuovo ormone che abbiamo scoperto, la relaxina, che si sta rivelando come l’ormone di salvaguardia di cuore e dei vasi sanguigni. Speriamo entri presto nell’uso clinico per combattere l’aterosclerosi.

 

ISTITUTO PROSPERIUS SPA

FIRENZE – UMBERTIDE (PG)

www.prosperius.it