Colorati, strappati, consunti e sporcati ad arte

Set 7 • Dettagli di stile, Rubriche • 192 Views • Nessun commento su Colorati, strappati, consunti e sporcati ad arte

WASH ITALIA È SPECIALIZZATA NELLE LAVORAZIONI ARTISTICHE DEI TESSUTI

Il segreto di un capo d’abbigliamento d’alta caratura non può certo risiedere nella sola creatività del design stilistico. La griffe più quotata sa bene quale sia l’importanza nell’affidarsi a professionisti dai profondi knowhow per il trattamento dei capi. Ed è dal lontano 1987 che Wash Italia Spa si occupa appunto di trattamenti tessili conto terzi: l’azienda neretese (in provincia di Teramo) è un punto di riferimento per il nostro Paese da quasi un trentennio, con un core business riconducibile in primis ai servizi di lavanderia ma non solo, svolgendo attività di tintoria e, più generalmente qualsiasi operazione manifatturiera riguardi il tessuto. La peculiarità di Wash Italia è la diversificazione: la spiccata abilità artigianale del suo team riesce a conferire pressoché ogni aspetto al capo affidatole, si tratti di serigrafie, sporcature o lavorazioni che conferiscano un look “vissuto” a certi modelli di jeans. Per fare ciò l’azienda adotta molteplici tecniche dimostrando così una particolare apertura verso le tante innovazioni nei trattamenti dei capi, pur mantenendo alto il livello di lavorazione umana. “Ogni singolo capo trattato nella nostra sede – evidenzia Alfredo D’Acchioli in veste di amministratore delegato – è il frutto di tante fasi lavorative, fino a quattordici in alcuni casi, eseguite manualmente da una squadra di professionisti accomunati da grande formazione e continuo aggiornamento. È in virtù di questa abilità in continuo affinamento che siamo riusciti a conquistare la fiducia di un numero davvero elevato di brand non solo dall’Italia ma anche dall’estero”. Delle tante trasformazione attraverso le quali è passata Wash Italia nella sua storia, una delle più importanti è l’aver abbandonato la propensione operativa “monomarca”. La crisi congiunturale ha dimostrato la necessità di frazionare il proprio business in più clienti per ripararsi dalle bizze di un mercato altalenante come quello della moda. Il risultato è che oggi, grazie al lavoro appassionato della dirigenza Wash Italia, l’azienda è divenuta un partner di riferimento per circa centoquaranta clienti sparsi in tutto il Bel Paese, tra i quali spiccano alcuni arcinoti marchi di jeans. “Il 2014 è stato un anno difficile -prosegue D’Acchioli – ma la nostra ostinazione ci ha permesso di resistere sicché attualmente possiamo segnalare un timido ma incoraggiante segnale di ripresa. Per resistere sul mercato della globalizzazione l’unica arma vincente è il continuo aggiornamento dell’offerta, adeguando le proprie competenze alle mutevoli esigenze dei trend del momento. La fidelizzazione della clientela, oggi più esigente che mai, avviene se si riesce a dimostrare di comprenderne la storia, le necessità e la ‘vision’. Wash Italia perciò si pone da sempre come un partner intenzionato a lavorare fianco a fianco con il cliente, sviluppando il prodotto proponendo soluzioni personalizzate. La nostra è un’attività ‘sartoriale’ nel senso che amiamo cucire addosso al cliente una soluzione unica; è questo un modus operandi evidentemente rivolto a chi sa apprezzare il vero made in Italy e a chi è indirizzato verso capi d’alta gamma. Pur proponendo servizi al giusto rapporto qualità-prezzo non intendiamo inoltrarci nella giungla del prezzo più basso, poiché si tratta di una competizione impari nella quale trionferanno sempre certe realtà estere che non si devono misurare con gli standard qualitativi e i vincoli economici del nostro Paese. L’intenzione è proseguire dunque in un cammino di eccellenza stilistica credendo nel presente e nel futuro prossimo all’insegna dell’ottimismo. Wash Italia continuerà a credere nell’equilibrato connubio tra manualità artigiana e innovazione senza che questo significhi automatismo. Ogni capo da noi elaborato contiene evidente il lavoro delle mani di un uomo. Un’intenzione per i prossimi anni sarà infine quella di ridurre ulteriormente l’impatto ambientale, soprattutto in merito alla significativa richiesta idrica di cui necessitano alcuni processi”.

 

WASH ITALIA SPA

NERETO (TE)

www.washitalia.it