ARTOUR O il MUST Le Città d’Arte per l’Arte Contemporanea è il primo Museo Temporaneo a FIRENZE e GENOVA HANGZHOU BEIJING LONDRA ROMA SHANGHAI YIWU MONTECARLO MERIDA PRAGA e…come ogni anno torna a A FIRENZE DAL 15 AL 20 MARZO

Feb 26 • in evidenza • 981 Views • Nessun commento su ARTOUR O il MUST Le Città d’Arte per l’Arte Contemporanea è il primo Museo Temporaneo a FIRENZE e GENOVA HANGZHOU BEIJING LONDRA ROMA SHANGHAI YIWU MONTECARLO MERIDA PRAGA e…come ogni anno torna a A FIRENZE DAL 15 AL 20 MARZO

Cos’è

 

ARTOUR-O il MUST è un appuntamento internazionale d’arte e design e di comunicazione. Uno “spaccato” della realtà artistica contemporanea che unisce in un unico format il messaggio di alcuni personaggi, appartenenti alla galassia delle istituzioni e al mondo dell’Impresa.

 

Mission

Intende sottolineare il ruolo fondamentale che l’arte contemporanea ha svolto nei secoli e ha reso le nostre città uniche al mondo, tra cui quello fondamentale della Committenza.

 

Perché

ARTOUR-O è nato dall’esigenza di condividere la consapevolezza della creatività che il nostro Paese ha espresso nei secoli e sa esprimere ancora oggi. A tal fine si é dotato di diversi strumenti, di cui ARTOUR-O è il crogiuolo.

 

ARTOUR-O d’Argento

Sono i rappresenti di quella  Committenza  pubblica  e privata,  illuminata, che lascia un segno permanente sul nostro territorio grazie alla realizzazione di opere d’arte o che condividono la loro passione con la Comunità.

 

Gli interlocutori

ARTOUR-O si sofferma sul capillare lavoro di ricerca, diffusione, divulgazione che alcuni imprenditori  del mondo dell’arte  portano  tenacemente  avanti; parlo di aziende, fondazioni, università,  comuni, editori, associazioni, enti che dedicano attenzione e risorse a sé stessi,  incentivando l’operato degli artisti.

 

Il territorio

ARTOUR-O sta monitorando il territorio e dai primi anni di studio è emersa una realtà che non esito a definire brillante. E qui cito Michelangelo Pistoletto che ha affermato che il nostro Paese sta vivendo un nuovo Rinascimento.

 

 

Atemporalità

ARTOUR-O rifugge le mode e si riconosce nelle parole di Pablo Picasso che affermava: “Se un’opera d’arte non vive sempre nel presente non è interessante”. Ci siamo, quindi, dotati di parametri assolutamente personali, ci auguriamo condivisibili, per individuare chi usa un linguaggio atemporale. La mia personale provenienza –  mai del tutto abbandonata –  dal mondo della progettazione, è stata fondamentale in questo ambito, così come l’apporto del Comitato e la consultazione dell’Archivio Internazionale di Ellequadro Documenti ideato e gestito dalla Dott.ssa Renata Ramondo.

 

 

 

Il format

ARTOUR-O è stato concepito in modo molto flessibile nel rispetto del concetto di glocalizzazione mirabilmente esposto da Vittorio Volpi nel suo libro “Marketing mission”.

 

La formula “Museo Temporaneo d’Arte Contemporanea” il MUST, permette una grande agilità perché entra direttamente in contatto con altre culture allo scopo d’incuriosire i nostri ospiti ed invitarli a conoscere meglio il nostro Paese, in un’ottica di reciprocitá.

 

 

Contenuto

ARTOUR-O è una “casa”, uno spazio abitativo, arricchito com’è giusto che sia, da ogni forma espressiva, dalla scultura al video, dalla pittura alla performance, dalla ricerca alla fotografia al design a “tecniche miste”, alla multimedialità, svelando opere inedite e cariche di significato di quegli artisti i cui lavori attentamente selezionati dagli operatori partecipanti istituzionali e privati, sono fonte di incredibile creatività e potenziale unico.

Il tutto legato in maniera forte al territorio grazie agli ARTOUR-O d’Argento, nel solco tracciato da James Hillmann:

“Se non riesco a veder non posso conoscere se non conosco temo, se temo odio… e se odio distruggo… mentre a mia volta divento mentore quando il mio immaginario sa impossessarsi della fantasia di un altro”.

 

 

Gli Amici di ARTOUR-O sono in tutto il mondo e sono davvero tanti, e ogni giorno di più sono coloro che credono in questo progetto e nel MISA Ipotesi dinamica, che è una sua emanazione.

 

Foto courtesy Ellequadro documenti, cat. ARTOUR-O il MUST

– 2015

Fondazione Guglielmo Giordano – Listone Giordano presente con Bruno Petronzi uno degli artisti presentati, insieme a Franco Repetto, Michele  De Lucchi, Danilo Rea

 

www.ellequadro.com

FacebookTwitterGoogle+Condividi